schedamacachIl nome può ingannare: Zinedine. Francese con origini algerine proprio come Zidane ma Machach, anche se trequartista naturale, viene impiegato ormai più stabilmente da mezzala. Era già passato a 16 anni per le giovanili dell’OM dopo essere cresciuto nel Caen: due anni in biancoazzurro e una presenza in Youth League, poi qualche problemino contrattuale e il trasferimento al Tolosa.

Zinedine Machach, nel mirino del Torino

Il debutto il 23 maggio 2015 nella sconfitta per 3-2 contro il Nizza, quando il 19enne Machach è subentrato a Pesic a 30’ dalla fine. Il primo gol invece arriva la stagione scorsa, decisivo per l’1-1 finale contro il Montpellier. Una sola rete e un solo assist (contro il Lorient), ma il compito di Machach non è quello di segnare: il centrocampista infatti è stato uno dei giocatori fondamentali per la salvezza del Tolosa la stagione scorsa: 16 presenze, 10 da titolare. Nel mercato di gennaio il Torino si era interessato a Machach, quest’anno chiuso nel Marsiglia dal Sanson e Sertic: 415’ in Ligue 1 (10 partite totali), una presenza e un gol in Coppa di Lega e altri 16’ in Coppa di Francia. Occhio alla concorrenza però, perché il giocatore è anche nel mirino di Angers, Dijon e Lipsia.

VIDEO

RELAZIONE TECNICA

a cura di FRANCESCO MARINO del 29/05/2017

Marino Francesco commentiGiocatore molto bello da vedere estremamente qualitativo; ha leve lunghe, forza e buona mobilità: tatticamente predilige giocare tra le linee in posizione centrale salvo poi spostarsi sull’esterno (soprattutto a sinistra) per poter ricevere palla con meno pressione e meno marcatura. Sa giocare a calcio dato che ha dribbling, eleganza nelle giocate, visione di gioco, buon senso della verticalizzazione e spiccato senso dell’assist oltre ad un buon tiro da fuori. A mio avviso pecca decisamente in fase offensiva a livello di concretezza e di incisività: infatti il suo lato di maggiore miglioramento risiede proprio nella capacità di essere decisivo a livello di giocate offensive sia in zona gol che come attitudine a fare assist e a determinare. Tatticamente è un numero dieci che potrebbe giocare sia in un 4-3-1-2 alle spalle del duo d’attacco che in un 4-2-3-1 dietro la punta centrale. Non mi convince quando è impiegato da esterno (anche se ha sempre la libertà di poter venire spesso e volentieri dentro il campo a fare giocate di pregio) perché non ha il passo né la struttura dell’esterno offensivo. La cosa che mi intriga sarebbe quella di vederlo giocare maggiormente dentro il campo e molto più dentro il gioco magari da mezzala offensiva (in un centrocampo a tre) o addirittura (magari tra qualche anno) da playmaker puro, ruolo nel quale potrebbe sfruttare la sua ottima tecnica, visione di gioco, il lancio e soprattutto la capacità di giocare sia corto che lungo. Se dovessi paragonarlo ad un giocatore direi che assomiglia tantissimo a Grenier della Roma ex Lione: infatti hanno entrambi la stessa struttura fisica e la stessa eleganza nei movimenti e nelle giocate.

FISCITA’ voto 4

TECNICA voto 4

PERSONALITA’ voto 3

ATTITUDINI TATTICHE voto 2/3

VALUTAZIONE SCOUT voto 3





Utilizziamo cookie nostri e di terze parti al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione sul nostro sito, valutare il coinvolgimento dei nostri utenti e migliorare i nostri servizi. Continuando nella navigazione, senza modificare le impostazioni del tuo browser acconsenti all'utilizzo di cookie sul tuo terminale. INFO SUI COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close