Willem Geubbels, nato a Villeurbanne ma di origini olandesi, entra fin da piccolo nell’Academy dell’Olympique Lione, con cui man mano si toglie grandi soddisfazioni. Debutta in prima squadra ed in Ligue 1 il 23 settembre 2017, nel pareggio casalingo per 3-3 contro il Dijon (2 apparizioni totali in stagione). Il 7 dicembre seguente esordisce in Europa League nella sconfitta esterna contro l’Atalanta per 1-0, divenendo così a 16 anni e 113 giorni il calciatore più giovane ad aver giocato in questa manifestazione. Il 19/6/2018 viene acquistato per ben 20 milioni di euro dal Monaco, con cui firma un contratto quinquennale. Con la nazionale francese, dopo aver fatto parte dell’Under 16 e 17, milita attualmente nell’Under 18.

VIDEO

RELAZIONE TECNICA

a cura di EMILIO SCIBONA del 25/05/2018

Willem Geubbels è un’ala longilinea dalla struttura fisica asciutta. Destro naturale, mostra una scarsa attitudine all’utilizzo del piede debole, che tende a usare raramente e solo se costretto dall’azione. Dotato di un ottima velocità combinata ad un’accelerazione importante, Geubbels ha un controllo di palla molto pulito e un movimento di dribbling efficace: questo fa sì che sia bravo a saltare l’uomo sia con la giocata che con lo spunto in velocità. Bravo nei passaggi corti e nei cross, un po’ meno nel trovare la misura dei lanci, il giocatore ha una visione di gioco importante per un ragazzo della sua età soprattutto se parametrata allo standard generale del ruolo: il combinato disposto di ciò fa di lui un buon assist-man. Dotato di un tiro non potentissimo ma abbastanza preciso, Geubbels sotto porta dimostra di avere il sangue abbastanza freddo: non di rado è stato schierato anche da prima punta. L’aspetto che sorprende più del giocatore, che non ha ancora compiuto 17 anni è quello dei movimenti senza palla: gli inserimenti che fa sono spesso giusti e la tempistica del taglio verso la porta è eccellente, a comprova di una buonissima capacità di lettura dello sviluppo dell’azione. In fase di contenimento il giocatore lavora in pressione sul portatore di palla avversario nel momento in cui si trova nella sua zona ripiegando poi nella propria metà campo perlopiù  quando l’azione si sviluppi sulla sua fascia. Gli aspetti su cui deve migliorare sono legati alla ricerca della giocata (non di rado tende a scegliere la soluzione complessa) e alla costanza nell’arco dei 90 minuti: particolari sistemabili con la crescita. Nonostante occupi un ruolo totalmente diverso, il suo stile di gioco ricorda molto quello di Paul Pogba. Giocatore dotato di personalità, Geubbels sembra poter avere davanti un avvenire molto luminoso: è importante però che completi la sua formazione calcistica (che a 17 anni da compiere non può essere ancora conclusa) in completa tranquillità nel contesto attuale, uno dei migliori d’Europa per un giovane, perché un salto prematuro potrebbe bruciarlo.

EMILIO-SCIBONA





Utilizziamo cookie nostri e di terze parti al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione sul nostro sito, valutare il coinvolgimento dei nostri utenti e migliorare i nostri servizi. Continuando nella navigazione, senza modificare le impostazioni del tuo browser acconsenti all'utilizzo di cookie sul tuo terminale. INFO SUI COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close