Ro-Shaun Williams è nato a Manchester il 3 settembre 1998 e ha giocato nelle giovanili dello United. Ma volete sapere cosa lo rese famoso per prima cosa sui giornali inglesi? Era uno studente di 16 anni, ma allo Ashton-upon-Mersey School, riuscì a battere il record dei 100 metri di Darren Campbell, oro nella 4×100 ai Giochi Olimpici di Atene 2004, che aveva resistito 25 anni. Il 23 maggio 2015 fa l’esordio della Under 21 Premier League nel derby contro il Manchester City e gioca 22 minuti di quella partita che i Red Devils giocano con gli Under 23 e perdono 3-1. Nella stagione 2015-2016 gioca 5 partite della Uefa Youth League, l’esordio è il 15 settembre 2015 nel 3-0 al Psv Eindhoven.

La stagione scorsa è quella del consolidamento per la sua carriera, le presenze nella Under 21 Premier League sono 17 dall’esordio nel 6-1 al Leicester il 14 dicembre 2015 alla vittoria per 1-0 con il Chelsea il 6 maggio 2016. E in questa stagione, oltre alle 7 gare fin qui giocate, è arrivata anche la prima rete, quella che è valsa la vittoria con l’Arsenal il 24 ottobre scorso.

Ro-Shaun Williams, gli esordi con la nazionale

Ha vinto due volte la Premier League Under 21 e gravita nell’orbita della prima squadra ma è giovanissimo, ha ancora 18 anni. E’ anche un punto fermo anche per le nazionali giovanili inglesi: 16 presenze tra la Under 16 e la Under 19 con cui ha giocato l’ultima gara nella sconfitta per 3-2 con il Galles l’11 novembre 2016 prendendo due cartellini gialli in 25 minuti e pagando con l’espulsione.

VIDEO

RELAZIONE TECNICA

a cura di GIROLAMO D’ALESSANDRO del 30/03/2017

girolamo-d-alessandroSenso tattico, tecnica individuale, colpo di testa  le caratteristiche principali  subito evidenziabili per questo difensore centrale che ne fanno un profilo  certamente interessante e di prospettiva per i maggiori campionati europei.  Entrando nello specifico si rilevano notevoli attitudini tattiche ,sia individualmente  che di reparto ,unitamente  ad un’ottima scelta di tempo in fase difensiva di recupero palla  e nel colpo di testa  che lo rendono fruibile sia in una difesa a 4 e sia in una difesa a 3, le doti tecniche contribuiscono  poi  a farne un profilo moderno riuscendo ad abbinare la capacità di dare sicurezza all’ intero reparto alla capacità di palleggio in fase di possesso e quindi utilissimo per quegli allenatori che amano la costruzione dal basso….ecco perché, per quanto a mio avviso la struttura fisica ne limiti l’ agilità e la rapidità, paragonarlo al “nostro” Bonucci  è plausibile, perché a mio avviso se migliora le componenti prima evidenziate anche lui può affermarsi a livello di nazionale maggiore. Perciò voto 5 nel complesso per questo difensore centrale con voto 5 certamente per attitudini tattiche, tecnica e personalità, un voto in meno per i motivi di cui sopra e quindi 4 per fisicità per quanto nel duello di testa adesso sembra essere tappeto superiore alla media.





Utilizziamo cookie nostri e di terze parti al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione sul nostro sito, valutare il coinvolgimento dei nostri utenti e migliorare i nostri servizi. Continuando nella navigazione, senza modificare le impostazioni del tuo browser acconsenti all'utilizzo di cookie sul tuo terminale. INFO SUI COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close