schedafernandesPaolo Fernandes è nato a Saragozza il 19 agosto 1998. Comincia il suo cammino di giovane calciatore nel Real Saragozza, ma molto presto attira l’attenzione del Manchester City. Non sono facili per lui gli anni dell’ambientamento: soffre il calcio fisico e deve adattarsi anche all’uso della lingua. Il debutto con la squadra primavera dei Citizens arriverà il 2 Marzo 2015, nella Fa Youthcup, dove giocherà per 20′ nella vittoriosa gara contro il Crewe battuto 6-1. Ma sono tutte presenze sparute, gioca una gara in campionato il 24 aprile 2015 nella sconfitta per 2-1 con il West Ham. Nel 2015-2016 3 presenze in campionato, l’esordio in Youth il 23 febbraio 2016 giocando 11 minuti nella sconfitta per 3-1 con il Real Madrid.

Paolo Fernandes, stagione da sogno e prestito al Breda

Fernandes però non si perde d’animo e arriva questa stagione che si è appena conclusa, la 2016-2017, in cui arrivano la continuità e i gol. Sono 22 le partite e 11 le reti, con 5 assist, nel campionato Under 21, la Premier League 2: la prima rete la segna al Reading nella partita persa 3-2, una doppietta (l’unica) al Southampton, nel 3-0 del 24 ottobre 2016. E va molto bene anche nella Uefa Youth League: 7 presenze e 2 reti con 2 assist. La prima rete internazionale arriva il 13 settemre 2016 nel 4-1 al Borussia Monchengladbach. Nell’estate 2017 passa in prestito al NAC Breda.

VIDEO

RELAZIONE TECNICA

a cura di GIROLAMO D’ALESSANDRO del 05/07/2017

girolamo-d-alessandroEcco a voi il nuovo Fabrizio Miccoli versione spagnola e mancina però. Tecnica sopraffina, potenza, istinto e classe pura da fantasista del calcio le doti preponderanti per questo profilo che ne rendono più che plausibile la similitudine col suo più noto predecessore e rientrando in quella tipologia di numeri 10 con una minor connotazione da “regista” e quindi visivamente meno eleganti, ma più dinamici ed eclettici e quindi più giusta la definizione di trequartista per indicarne la zona di competenza in campo, evidenziando una certa capacità a svariare e fare da raccordo tra centrocampo e attacco, partendo a volte da una posizione defilata per rientrare verso l’interno e sfruttare la sua dote migliore ovvero il calcio dai 20/25 metri, sia di precisione a giro che di potenza. Tatticamente non è difatti un calciatore lineare ma a mio avviso il voto su questa componente rimane alto ovvero 4 perché in fase offensiva mostra una notevole capacità a trovarsi lo spazio liberandosi dalla marcatura. In fase difensiva resta comunque orientato in direzione palla /avversario . Voto certamente massimo per tecnica, ovvero 5, e non potrebbe essere diversamente osservando semplicemente la capacità di controllo palla e conduzione della stessa in velocità. Dal punto di vista fisico, compensa i pochi centimetri in altezza con una notevole forza esplosiva che lo rendono rapido e sgusciante nei primi passi e quindi anche qui per me voto più che buono ovvero 4 . Voto 3,5 per personalità dal momento che pur valorizzando al meglio le sue caratteristiche tecniche tattiche e fisiche assumendosi la responsabilità della giocata, lo ritengo ancora un po’ troppo poco caratteriale perché a mio avviso potrebbe e dovrebbe osare di più, per quanto ovviamente si tratta di un classe 98, ma questa è una componente su cui poter certamente lavorare considerate le aspettative da prima fascia per questo profilo:nel complesso pertanto voto 4. Sentiremo parlare di lui.





Utilizziamo cookie nostri e di terze parti al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione sul nostro sito, valutare il coinvolgimento dei nostri utenti e migliorare i nostri servizi. Continuando nella navigazione, senza modificare le impostazioni del tuo browser acconsenti all'utilizzo di cookie sul tuo terminale. INFO SUI COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close