A 27 anni non c’è più tempo per colpi di testa e ‘balotellate’ se si vuole tornare definitivamente nel calcio che conta. Mario Balotelli sembra averlo capito veramente e, dopo le buone performances dello scorso anno, si è guadagnato un rinnovo annuale con il Nizza. In questo avvio di stagione, l’ex Milan ha ripagato la fiducia del club francese, realizzando ben 7 gol in 9 partite ufficiali.

Mario Balotelli, il Napoli ci fa un pensierino

Numeri davvero incoraggianti che, complice anche la scadenza del contratto fissata al 30 giugno del 2018, potrebbero ingolosire anche qualche squadra italiana. A partire dal Napoli che dopo l’infortunio di Milik potrebbe non accontentarsi di anticipare l’arrivo di Inglese, per puntare sull’esperienza internazionale di Balotelli, soprattutto qualora l’avventura in Champions League dovesse proseguire.

 

VIDEO

RELAZIONE TECNICA

a cura di ROBERTO SESENA del 05/10/2017

Sesena RobertoFISICITÀ: Calciatore dall’importante struttura fisica, massiccio e slanciato, la quale gli permette un’efficace copertura di palla. Abbastanza dinamico nella corsa e nei movimenti, nonostante il non eccellente rapporto peso-altezza.
TECNICA: Punta centrale dal tiro potente. Destro naturale, ma nonostante ciò mostra una buona capacità di finalizzazione anche con il piede debole. Il giocatore è dotato di un buon stacco di testa che spesso l’ha portato al gol. Durante il corso dei 90’ minuti ricerca continuamente la conclusione in porta da ogni posizione del fronte d’attacco grazie non solo alle sue doti balistiche, ma anche a un risolutivo dribbling con il quale spezza l’equilibrio delle difese avversarie.
ATTITUDINI TATTICHE: Rapace d’area, numero 9 dal buon feeling con il gol. Cinico sotto porta ed implacabile dal dischetto, quest’ultima dote è avvalorata dalle rosee statistiche dei rigori segnati, infatti nella sua carriera ha calciato 31 rigori andando segno per 27 volte (21 segnati consecutivamente), una percentuale mostruosa di quasi il 90% di score.
PERSONALITÀ: Il classico bad boy, molte volte sembra giocare più per il nome che porta dietro che per la maglia che indossa, fiducioso nei propri mezzi e carismatico, ma allo stesso tempo risulta troppo “spocchioso” sia nell’esultanze sia nelle giocate. Inoltre in molte occasioni ha dimostrato scarsa maturità nel comportamento in campo e fuori. Tenta svariate volte l’uno contro uno riuscendo a saltare l’uomo con la sua indiscussa classe. Genio e sregolatezza.
In passato definito come un vero Enfant Prodige, riconosciuto come uno dei talenti più cristallini del vivaio italiano ed internazionale. Negli ultimi anni però il suo rendimento è calato drasticamente, cambiando continuamente maglie e campionati senza ritrovare la sua giusta dimensione. Attualmente milita nel OGC Nizza in terra francese, dove dopo un periodo a luci spente, sta riproponendo quei colpi a cui eravamo abituati anni fa tirando fuori delle vere e proprie perle calcistiche, cercando di prenotarsi un posto in nazionale per Russia 2018.
Si potrebbe paragonare a Robin Van Persie del Fenerbahçe SK
VALUTAZIONE FINALE GENERALE DEL RELATORE (da 1 a 5) 4





Utilizziamo cookie nostri e di terze parti al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione sul nostro sito, valutare il coinvolgimento dei nostri utenti e migliorare i nostri servizi. Continuando nella navigazione, senza modificare le impostazioni del tuo browser acconsenti all'utilizzo di cookie sul tuo terminale. INFO SUI COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close