Leroy Sané, nato ad Essen ma di origini francesi, è cresciuto in diversi settori giovanili, fra i quali Wattensheid 09 e Bayer Leverkusen, per poi trasferirsi allo Schalke 04 (dove peraltro aveva già trascorso alcuni anni) nel 2011. Fa il suo esordio in prima squadra ed in Bundesliga il 20/4/2014, giocando gli ultimi 13 minuti nella sconfitta per 3-1 contro lo Stoccarda. Nella stessa stagione dà spettacolo con la formazione Under 19 del club, totalizzando 10 gol e 10 assist in 25 presenze nel campionato di categoria, più 1 marcatura e 3 assist in 8 sfide nella prima edizione della “UEFA Youth League”. Nel 2014/15 viene promosso in prima squadra ed in campionato mette a referto 3 reti ed 1 assist in 13 partite. Il 10/3/2015, nel ritorno degli ottavi di finale di Champions League, segna il momentaneo 3-3 nella vittoria per 3-4 al “Santiago Bernabeu” contro il Real Madrid, sua unica apparizione nella competizione. Nel 2015/16 esplode tutto il suo talento, collezionando 8 gol e 6 assist in 33 gare più 1 marcatura ed 1 assist in 7 sfide di Europa League. Il 2/8/2016 viene acquistato per ben 50 milioni di euro dal Manchester City, con cui firma un contratto quinquennale. Con la Germania, dopo aver fatto parte dell’Under 19 e 21, il 13/11/2015 debutta in Nazionale maggiore nell’amichevole persa 2-0 contro la Francia. Nel 2016 il CT Joachim Loew lo convoca per gli Europei da disputare proprio in Francia.

VIDEO

RELAZIONE TECNICA

a cura di WSS del 15/08/2015

Longilineo dal fisico snello e dalle leve lunghe e sottili, è un incursore che può giocare sia in posizione centrale che sulle corsie esterne. Mancino, è dotato di una buona velocità di base accompagnata da un ottimo scatto. Ha un buon primo controllo del pallone, ma si mostra più bravo nel dribbling in velocità rispetto a quello secco o di fino. La sua qualità principale sta nell’eccellente capacità di inserimento nello spazio, specie senza palla, e nella capacità di leggere bene lo sviluppo dell’azione. Una capacità che gli consente di essere pericoloso in zona gol. Inoltre è un buon colpitore di testa. Ha buona personalità e qualità nel passaggio rasoterra, specie in quello in profondità, mentre risulta carente nel lancio lungo e nella conclusione, perché pur avendo buona potenza e una buona capacità di direzionamento, il suo calcio risulta abbastanza scoordinato. In fase di non possesso non mostra doti extra, non ha grande attitudine al pressing ed aggredisce il portatore di palla soltanto a patto di averlo in visione e a contatto. L’impressione che dà è quella di un giocatore monodimensionale che, se inserito nel contesto tecnico giusto per lui, può far bene, ma che non sembra avere doti particolarmente spiccate a tal punto da immaginarlo come un potenziale top-player, è difficile individuare quali siano i suoi margini effettivi di miglioramento. Tuttavia l’età giovanissima e la grande personalità che ha mostrato, può far si che riesca a migliorare nei suoi difetti tecnici e diventare un giocatore più completo. A priori dall’aspetto tecnico, necessita di irrobustirsi fisicamente.





Utilizziamo cookie nostri e di terze parti al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione sul nostro sito, valutare il coinvolgimento dei nostri utenti e migliorare i nostri servizi. Continuando nella navigazione, senza modificare le impostazioni del tuo browser acconsenti all'utilizzo di cookie sul tuo terminale. INFO SUI COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close