Josè Mauri inizia la sua trafila in diverse scuole calcio in Argentina prima di arrivare in Italia nel 2010, ingaggiato dal Parma. Debutta in serie A il 26/1/2014 contro l’Udinese. Entrato stabilmente nel giro della prima squadra, in un anno e mezzo totalizza 2 gol e 2 assist in 35 presenze. Nell’estate 2015, in virtù del fallimento del Parma, si svincola ed il 6 luglio passa a parametro zero al Milan con cui firma un contratto quadriennale. Fa 5 apparizioni, poi il 30/8/2016 passa in prestito all’Empoli. Gioca 14 partite mentre il club toscano retrocede in serie B. Con l’Italia ha fatto parte dell’Under 16 e 17, poi nell’ottobre 2015 rifiuta una convocazione dell’Under 20 dichiarando di voler proseguire con l’Argentina.

VIDEO

RELAZIONE TECNICA

a cura di FRANCESCO MARINO del 15/10/2015

Marino Francesco commentiCentrocampista centrale o mezzala; piccolino di statura, muscolarmente compatto ed esplosivo; mobile ed aggressivo; destro naturale che pero’ non disdegna affatto di concludere anche col mancino; centrocampista universale assolutamente moderno, completo, super dinamico e come già detto tanto tanto intenso ed aggressivo; ha anche buona tecnica per essere soprattutto un elemento di interdizione; fisicamente e nella fase di riconquista del pallone credo che sia una sorta di incrocio tra Gargano o Medel proprio a testimoniare l’efficacia e la sua pugnacità caratteriale quando deve aggredire, mentre direi che con la palla nei piedi o comunque in fase di impostazione o di inserimento possa assomigliare un po’ al centrocampista del Borussia Dortmund Gundogan; come detto è moderno ed universale perché incarna entrambe le anime del centrocampista a tutto campo; è un po’ penalizzato dalla statura che gli impedisce di essere pericoloso o comunque efficacie anche nel gioco aereo; tatticamente può giocare a centrocampo un po’ ovunque, ad esempio da playmaker con attitudini più difensive o di contenimento; da mediano in un centrocampo a due con magari affianco un regista classico al quale copre le spalle e lo protegge in fase difensiva oppure anche da mezzala alla Gattuso ai tempi del Milan con la differenza che rispetto a “Ringhio” (di cui ha ripreso tutte le doti caratteriali e temperamentali) ha maggiore qualità tecnica, capacità di tiro e soprattutto anche maggior attitudine all’inserimento offensivo cosa che gli permette di andare a segno ed anche di rendersi pericoloso spesso in zona gol; insomma parliamo di un giocatore moderno, promettente e completo che ritengo potrà ritagliarsi un posto stabile anche in Nazionale. Giocatore molto bravo che farà certamente strada.





Utilizziamo cookie nostri e di terze parti al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione sul nostro sito, valutare il coinvolgimento dei nostri utenti e migliorare i nostri servizi. Continuando nella navigazione, senza modificare le impostazioni del tuo browser acconsenti all'utilizzo di cookie sul tuo terminale. INFO SUI COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close