schedapereiraJoel Dinis Castro Pereira è nato il 28 giugno 1996 a Le Locle, in Svizzera, nel cantone di Neuchatel: in un’inchiesta pubblicata da una rivista svizzera di lingua tedesca qualche anno fa, era tra le città elvetiche (con oltre 10.000 abitanti) più vivibili, seppur all’ultimo posto. E poi l’Unesco ha dichiarato Le Locle tra i patrimoni dell’umanità per il suo valore culturale. Pereira ha doppio passaporto, svizzero e portoghese. Ha iniziato nel Le Locle Sports, poi è arrivato al Neuchatel, dove il 14 agosto 2011, a 15 anni, ha fatto l’esordio nella squadra B, in Seconda Liga Interregionale, nello 0-0 in trasferta con il Moutier.

Joel Pereira, esordio in Premier con Mou e porta inviolata

A 16 anni arriva il trasferimento al Manchester United. E’ il 2012, disputa il campionato Under 18 e il 20 dicembre 2013, a 17 anni, fa l’esordio nella Premier League 2 contro l’Arsenal nella gara che finisce 1-1: 3 presenze totali, altrettante nella Youth League dove c’era stato l’esordio assoluto con i piccoli Red Devils il 23 ottobre (sconfitta per 1-0 con la Real Sociedad) . Nella stagione 2014-2015, 7 presenze gli valgono la vittoria della Premier League 2 (quella è la squadra in cui gioca anche Januzaj). Nel 2015-2016 scende in League One al Rochdale, gioca 6 partite con l’esordio il 21 novembre 2015 contro il Doncaster Rovers e torna allo United per vincere la seconda Premier League 2 (questa è la squadra di Jessie Lingard) con 12 presenze: il 25 febbraio 2016 ci mette anche una panchina nel terzo turno intermediario di Europa League, quello in cui i Red Devils di Van Gaal battono 5-1 il Midtyjlland. Quindi il Belenenses in Portogallo, l’esordio nella Liga contro il Benfica il 23 ottobre 2016 (sconfitta per 2-0), 8 presenze totali. E il secondo ritorno a casa, allo United, dove Mourinho lo lancia in Premier il 21 maggio 2017 contro il Crystal Palace lui non prende gol (finisce 2-0). Aveva già esordito in FA Cup il 29 maggio 2017, anche qui senza gol: 4-0 al Wigan al quarto turno. In nazionale inizialmente ha rappresentato la Svizzera dall’Under 15 fino all’Under 17, poi ha proseguito con il Portogallo fino all’attuale Under 21.

VIDEO

RELAZIONE TECNICA

a cura di PAOLO FOTI del 14/06/2017

Foti CatanzaroPortiere sicuramente dotato di un ottimo fisico,alto, longilineo non troppo muscolare. Gioca nel Manchester United, di nazionalità portoghese,
Utilizza spessissimo tecniche specifiche del Regno Unito. Bravissimo nella parata a croce (qualche volta ne abusa anche troppo), nell’uno contro uno e nelle uscite basse. Spesso con bravura, si fa trovare alto nel difendere gli spazi dietro i suoi difensori.
Non mi sembra eccezionale nelle uscite alte, nella presa e nelle parate in deviazione. Bravo secondo me nel ricercare la posizione in porta.
Mi sembra molto presente, concentrato e bravo nel gestire l’ordinaria amministrazione. Sicuramente portiere da seguire in prospettiva futura.
Tecnica2
Personalità 3
Fisico 3
Voto complessivo 3





Utilizziamo cookie nostri e di terze parti al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione sul nostro sito, valutare il coinvolgimento dei nostri utenti e migliorare i nostri servizi. Continuando nella navigazione, senza modificare le impostazioni del tuo browser acconsenti all'utilizzo di cookie sul tuo terminale. INFO SUI COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close