Hachim Mastour, nato in Italia ma di origini marocchine, è un predestinato sin da piccolo, palleggia con tutto quello che trova, dalle palline da ping-pong alle ciliegie. Prende confidenza con il pallone nell’Us Reggio Calcio, scuola calcio di Reggio Emilia affiliata all’Inter. La Reggiana lo nota e lo blocca quando aveva ancora 8 anni. Non potendolo tesserare vista l’età, viene lasciato alla sua società d’origine. Solo nel 2008 si trasferisce ai granata, dove parte dagli Esordienti. Affronta tutte le categorie sotto età e sui campi giovanili della Reggiana s’intravedono osservatori dei principali club italiani ed europei. L’eco della sua classe arriva fino in Inghilterra: lo segue il Manchester City. L’esplosione arriva nella stagione 2011/12, nel campionato Giovanissimi Nazionali, dove segna 25 gol incantando tutti. In Italia finisce sul taccuino della Juventus ma la società che punta in maniera più convinta su di lui è l’Inter. Infatti, sin da quando aveva 12 anni, è monitorato dai dirigenti delle giovanili nerazzurre che lo convocano più volte ad Interello. Viste le regole che limitano i trasferimenti degli Under 14 fuori regione, l’idea è di “custodirlo” fino al compimento dei 14 anni per poi fargli firmare un contratto. L’accordo con la Reggiana sembra solido ed a gennaio partecipa con l’Inter al II Memorial “Roberto Ielasi” a Roma. I nerazzurri dominano la competizione battendo Siena, Bari, Empoli, Juventus e Roma: Mastour realizza 4 reti in 5 partite, mettendo la sua firma anche in semifinale e finale. Uno spettacolo. Ma la sorpresa nel calcio è dietro l’angolo. Mentre l’Inter aspetta il momento giusto per concludere l’operazione s’inserisce il Milan, forte dell’appoggio della famiglia del ragazzo che preferisce i rossoneri, con i quali firma il contratto nella sala dei trofei alla presenza dell’AD Adriano Galliani: l’accordo prevede corrispettivi economici diversi in base agli obiettivi raggiunti dal baby talento fino all’eventuale debutto in prima squadra, con un massimo di circa 500.000 euro. Viene aggregato sotto età agli Allievi Nazionali allenati dall’ex bomber del Milan Filippo Inzaghi, che il 29/3/2014 lo fa esordire in Primavera nella sconfitta per 0-1 contro il Brescia, in cui gioca gli ultimi 10 minuti. Fa un’altra apparizione in stagione in questa categoria ed addirittura il tecnico della prima squadra Clarence Seedorf lo convoca per l’ultima giornata di campionato contro il Sassuolo, in cui resta in panchina. Nel 2014/15 colleziona altre 8 presenze con la Primavera, poi il 31/8/2015 passa in prestito al Malaga. Gioca appena 5 minuti nella Liga finché il 14/7/2016 va sempre in prestito al PEC Zwolle. Anche qui trova poco spazio con soltanto 5 apparizioni in “Eredivisie”. Nel 2017/18 gioca appena una gara nella Primavera del Milan, poi il 4/9/2018 si trasferisce a parametro zero al Lamia militante nella massima serie greca. Inizialmente sceglie di rappresentare l’Italia militando nell’Under 15 e 16 finché il 12/6/2015, a tre giorni dal compimento dei 17 anni, debutta direttamente nella Nazionale maggiore del Marocco nel match valevole per le qualificazioni alla Coppa d’Africa 2017, vinto 1-0 contro la Libia.

VIDEO

RELAZIONE TECNICA

a cura di WSS del 15/08/2013

Normotipo, abbastanza rapido, veloce, fisicamente e muscolarmente ancora da completarsi, buona facilità di corsa. Ottimo sotto l’aspetto tecnico, destro, utilizza anche l’altro piede sia per manovrare che per le conclusioni a rete, in possesso di un buon calcio forte e preciso, discreto nel gioco aereo. Tatticamente in fase di possesso palla è molto bravo a trovare lo spazio sia tra le linee che sugli esterni, per farsi dare palla e poi puntare l’avversario, molto spesso con buoni risultati creando superiorità numerica e mostrando le sue ottime qualità sia fisiche che tecniche; bravo anche nelle verticalizzazioni negli ultimi metri ed ha una buona visione della porta. In fase di non possesso cerca di essere di aiuto ai suoi compagni, ma deve migliorare ancora sia sotto l’aspetto della tattica individuale che collettiva. Buono sotto l’aspetto del temperamento e della personalità.





Utilizziamo cookie nostri e di terze parti al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione sul nostro sito, valutare il coinvolgimento dei nostri utenti e migliorare i nostri servizi. Continuando nella navigazione, senza modificare le impostazioni del tuo browser acconsenti all'utilizzo di cookie sul tuo terminale. INFO SUI COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close