Georgi Kitanov è nato a Blagoevgrad il 6 marzo 1995, in Bulgaria, ma è cresciuto a Varna, dove calcisticamente ha iniziato a giocare nel Cerno More Varna, club che ha vinto quattro volte nella sua storia il massimo campionato bulgaro. E’ arrivato lì a 9 anni, a maggio del 2012, fresco diciassettenne, è stato promosso in prima squadra con la maglia numero 33 visto l’infortunio che era occorso a Petar Denchev.  Il 14 del mese, a sei minuti dalla fine del match di campionato con il Vidima Rakovski, sostituì l’infortunato Kolev debuttando a 17 anni, 2 mesi e 8 giorni.

Georgi Kitanov, ha già quasi 150 partite nella A bulgara

L’11 agosto del 2012 il suo primo match da titolare contro  il Ludogorets Razgrad nella gara vinta 3-0: fa 28 presenze in quel campionato. A gennaio Rakovki va a fare uno stage di una settimana al Psv. A ottobre del 2014, il 19, arriva sul finire di un 4-0 al Beroe una seria frattura alla gamba che lo farà tornare in campo il 26 maggio 2015 per 56 minuti contro la Lokomotiv Plovdiv.

Il 3 marzo 2016, a tre giorni dal suo 21° compleanno e proprio contro il Beroe arriva la sua centesima apparizione nella serie A bulgara. Nell’estate del 2016 lo ha acquistato il Cska Sofia con cui ha fatto l’esordio il 29 luglio 2016 nel 2-0 allo Slavia Sofia: in tutto ha fatto 31 presenze. Ha fatto tutta la trafila nelle nazionali con tre panchine: il 32 maggio 2014 con il Canada, il 13 novembre 2016 con la Bielorussia e il 25 marzo 2017 con l’Olanda.

VIDEO

RELAZIONE TECNICA

a cura di CARLO MUSA del 23/05/2017

Musa CarloPiede dominante il destro così come la mano. Non eccelle fisicamente rispetto ai portieri che siamo abituati a vedere. Portiere attivo e sveglio tatticamente, ottima capacità di lettura tattica e di anticipazione anche se non è dotato di un ottima tecnica del ruolo. Cerca di essere efficace ma necessita di ampi miglioramenti sotto molto aspetti caratteristici del ruolo come l’uscita alta e la presa. Tecnicamente non eccelso con i piedi, ha però buona capacità e soprattutto velocità nel rimettere in gioco l’azione cercando di essere efficace in fase di contrattacco veloce. Ha coraggio in uscita anche se non è dotato di un grande fisico ma deve migliorare anche sull’attacco alla palla, sembra aspettarla troppo spesso anche in presa, risulta spesso che aspetti la palla e la prende indietro rispetto alla canonica posizione di presa. Non ho riscontrato un paragone con un portiere già affermato ma penso che non sia un portiere che abbia importante prospettiva all’esterno della sua Nazione di appartenenza. Dimostra di avere personalità per il ruolo ed è positivo per la squadra.

Tecnica: 2
Tattica: 4
Fisico: 2
Personalità: 4
Valutazione finale osservatore: 3





Utilizziamo cookie nostri e di terze parti al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione sul nostro sito, valutare il coinvolgimento dei nostri utenti e migliorare i nostri servizi. Continuando nella navigazione, senza modificare le impostazioni del tuo browser acconsenti all'utilizzo di cookie sul tuo terminale. INFO SUI COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close