Daniel Alessandro Saggiomo Mosquera, italo-venezuelano – è nato a Caracas il 7 febbraio 1998 e gioca nel Caracas, dove è cresciuto nelle giovanili salendo categoria dopo categoria dalla Under 14, alla Under 16 e alla Under 18, nonché numerosi tornei internazionali tra Argentina, Spagna e Brasile che gli hanno consentito anche di farsi conoscere e vedere pure in Europa. Nel 2014 ha firmato il suo primo contratto da professionista.

Daniel Saggiomo, l’esordio tra i grandi con il maestro Saragò che lo allenò a 5 anni

L’esordio assoluto è stato nella Apertura in casa dello Zamora: 10′ minuti nella gara persa 2-1, lanciato da Eduardo Saragò, tecnico di origini calabresi che conosceva molto bene Saggiomo avendolo cresciuto da piccolo, quando a 5 anni cominciava nel San Agustín del Marquez. Nel 2016 ha disputato il Torneo Apertura in prima squadra, giocando una gara il 13 marzo, vinta 4-0 a casa del Monagas e di cui ha disputato 32 minuti. La Clausura è stata invece la stagione della consacrazione di questo ragazzo che ha giocato 16 partite realizzando una rete (il 14 marzo 2016 al Monagas: la partita finì 4-1) e confezionando 3 assist per i compagni. Nel 2017 altre 2 presenze per il giocatore venezuelano nell’Apertura. In nazionale Saggiomo ha giocato finora nelle giovanili. Con l’Under 17 ha disputato 3 partite e così anche con la Under 20 – che lo ha visto protagonista nel Sudamericano di categoria quest’anno -: l’esordio è stato il 3 febbraio 2017 nel 4-2 all’Ecuador. Ha giocato nella stessa manifestazione anche il 9 febbraio nel 3-0 all’Uruguay e l’11 nella sconfitta per 2-0 con l’Argentina.

VIDEO

RELAZIONE TECNICA

a cura di LORENZO FABIANI del 17/05/2017

LORENZO FABIANICalciatore venezuelano classe 98 che ricorda vagamente per caratteristiche, fisico e ruolo Santi Cazorla.
Può giocare esterno o trequartista. In un 4-2-3-1 è da collocare in uno dei tre ruoli alle spalle dell’attaccante; a mio avviso il ruolo che interpreta meglio è quello di esterno destro, in modo tale da sfruttare la sua capacità di crossare in area con il piede destro, dei palloni che girano alle spalle della difesa avversaria.
Ha un fisico brevilineo che gli permette di avere un buon dribbling e una discreta esplosività. Il tutto viene abbinato ad un notevole bagaglio tecnico, che gli consente di fraseggiare con i compagni di squadra, con ottimi tempi di gioco.
È molto bravo a creare la superiorità numerica, infatti sfrutta la sua incursione palla al piede per attirare la pressione dei vari avversari e poi scaricare palloni d’oro. Deve migliorare molto nell’uso del suo piede debole (sinistro) , che non utilizza praticamente mai e nella finalizzazione del gioco, infatti cerca poco la porta e la conclusione… Sembra divertirsi molto di più nel fare assist.
Ragazzo che deve svolgere completamente il suo processo di crescita e di maturazione; a mio parere sarebbe molto formativa per lui un’esperienza fuori dal suo paese.
Da tenere sotto controllo.

FISICITÀ voto 2
TECNICA voto 4
PERSONALITÀ voto 2
ATTITUDINI TATTICHE voto 3
VALUTAZIONE GENERALE SCOUT voto 2/3





Utilizziamo cookie nostri e di terze parti al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione sul nostro sito, valutare il coinvolgimento dei nostri utenti e migliorare i nostri servizi. Continuando nella navigazione, senza modificare le impostazioni del tuo browser acconsenti all'utilizzo di cookie sul tuo terminale. INFO SUI COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close