Daniel Castelo Podence è nato a Oeiras il 21 ottobre 1995, in Portogallo. E’ cresciuto nell’OS Belenenses ed è arrivato allo Sporting CP poco prima del compimento dei 10 anni. Fa il suo esordio con le Riserve nel campionato di seconda divisione il 3 febbraio 2013, contro il Maritimo nella gara che si chiude sullo 0-0 e che lui gioca per 2′ al posto di Bruma. In tre stagioni in seconda divisione mette in fila 42 presenze: 31 nel 2014-2015 con tre gol, di cui la prima è arrivata il 31 agosto 2014 ed è stato l’illusorio 1-0 con il Beira Mar che poi ha vinto 2-1.

Daniel Podence, 2 Coppe nazionali in bacheca e l’esordio in Primeira Liga

La stagione 2014-2015 è quella in cui, grazie alle due presenze, al quarto turno e nei quarti, c’è anche il suo nome sulla Coppa portoghese vinta dallo Sporting. La stagione 2015-2016, sempre nelle Riserve dello Sporting e in seconda divisione, è quella della sua esplosione: 38 partite, 6 reti e 8 assist. Nell’estate 2016 arrivano la Moreirense che lo prende in prestito e l’esordio nel massimo campionato: è il 17 settembre e con l’Estoril arriva però la sconfitta per 2-0.

Le presenze sono 14, i gol 4 e gli assist 2: la prima rete del 29 ottobre sblocca la partita con il Tondela vinta 2-1. A gennaio scorso, dopo aver salutato la Moreirense alzando la Coppa di Lega Portoghese in finale contro il Braga (1-0 e 90′ in campo per lui) il ritorno a casa, allo Sporting, la prima nella massima divisione con la maglia con cui è cresciuto avviene il 4 febbraio per 10 minuti a casa del Porto che vince 2-1. Finora 11 gare e 2 assist.

 

VIDEO

RELAZIONE TECNICA

a cura di CARLO MUSA del 10/05/2017

Musa CarloSeconda punta, piede dominante il destro. Brevilineo dal peso leggero, statura bassa e struttura esile. Giocatore molto rapido. Somiglia a Sebastian Giovinco.

Tecnicamente molto dotato, dribbling e passaggio il suo forte. La sua principale attività in campo è quella del rifinitore. Ottimo nel primo controllo e nella sensibilità anche nella guida della palla. Ha fantasia. Bene il tiro con discreta potenza. Cerca sempre di giocare la palla e lo fa anche venendo nella sua metà campo per rimanere attivo nel gioco della squadra e in partita. Dialoga benissimo con i compagni, soprattutto con la Prima Punta.
Dal punto di vista tattico giocatore maturo, ottimo lo smarcamento. Si muove molto tra le linee mettendosi sempre in zona luce, spesso in diagonale rispetto al portatore oppure in verticale. Bene la postura del corpo in ricezione e gioca spesso di prima. Ha visione di gioco, pecca nella rifinitura. Vede sempre il passaggio soprattutto negli ultimi metri dove però deve migliorare poiché risulta in alcuni casi essere impreciso nel dosare la forza sul pallone (differenziazione dinamica). Nella fase difensiva attua il primo pressing con poca convinzione, prova a chiudere le linee di passaggio ma deve imparare ad indirizzare meglio il pressing.
È molto positivo durante la gara verso i compagni, si sacrifica nel recupero della palla ed è disponibile. Non sembra avere una forte personalità ma essere più un componente del gruppo.

Fisicità: 3
Attitudini Tattiche: 5
Tecnica: 4
Personalità: 3

Valutazione Finale Generale del Relatore: 4





Utilizziamo cookie nostri e di terze parti al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione sul nostro sito, valutare il coinvolgimento dei nostri utenti e migliorare i nostri servizi. Continuando nella navigazione, senza modificare le impostazioni del tuo browser acconsenti all'utilizzo di cookie sul tuo terminale. INFO SUI COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close