Bartosz Kapustka muove i suoi primi passi nel club della sua città natale, il Tarnovia Tarnow. Dopo un breve passaggio all’Hutnik Krakow, nell’estate 2012 approda al Cracovia. Due anni più tardi viene promosso in prima squadra e nella massima serie polacca totalizza 6 gol ed 11 assist in 60 presenze. Il 3/8/2016 viene acquistato per 9 milioni di euro dal Leicester, con cui firma un contratto quinquennale. Impiegato più nella formazione riserve (2 reti ed 1 assist in 10 partite in “Premier League 2”) che in prima squadra (3 brevi apparizioni in FA Cup), il 14/7/2017 passa in prestito oneroso per 500.000 euro al Friburgo. Con la Polonia, dopo aver svolto l’intera trafila delle varie selezioni giovanili dall’Under 17 fino all’Under 21, il 7/9/2015 debutta in Nazionale maggiore nel match valevole per le qualificazioni agli Europei 2016, vinto per 8-1 contro Gibilterra. Viene poi convocato per i suddetti Europei in Francia. Nel 2017 torna con l’Under 21 per disputare gli Europei di categoria in casa, ma viene eliminato già nella fase a gironi.

VIDEO

RELAZIONE TECNICA

a cura di GIROLAMO D’ALESSANDRO del 27/10/2016

DAlessandroFacilità di corsa, senso del gol, senso tattico, attitudine al sacrificio anche in fase di non possesso: queste le caratteristiche fisiche, tecniche, tattiche e caratteriali principali di questo giovane centrocampista polacco, paragonabile a mio avviso all’Hamsik che tutti conosciamo ma con una più accentuata capacità di corsa sulle lunghe distanze, che ne consentono l’utilizzo anche come esterno di centrocampo o d’attacco. La tecnica di base non è da top player ma la capacità di controllo, la capacità di calciare indifferentemente di destro e sinistro, la forza fisica nonostante non sia molto strutturato ed il senso del gol fanno di questo giocatore un profilo davvero interessante. A mio avviso il suo ruolo ideale è come vertice alto di un rombo a tre di centrocampo dietro le due punte, anche se la sua duttilità gli permetterà di essere funzionale a qualsiasi tipo di modulo. Da evidenziare anche che non ha l’egoismo proprio di un attaccante, ma è propenso al dialogo con i compagni nelle varie fasi di gioco. Calciatore che certamente si ritaglierà un ruolo importante nel campionato inglese, ma ritengo che possa trovare la sua consacrazione soprattutto nel campionato italiano.





Utilizziamo cookie nostri e di terze parti al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione sul nostro sito, valutare il coinvolgimento dei nostri utenti e migliorare i nostri servizi. Continuando nella navigazione, senza modificare le impostazioni del tuo browser acconsenti all'utilizzo di cookie sul tuo terminale. INFO SUI COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close