Alvaro Odriozola Arzallus è nato a San Sebastian il 14 dicembre del 1995. Terzino destro di spinta, il 22enne è entrato nella Real Sociedad nel 2006, a 11 anni non ancora compiuti. Il primo settembre del 2013 ha debuttato nella compagine B contro il Las Palmas, muovendo così il primo passo verso la titolarità con questa formazione. La stagione 2014/15 è quella del primo gol, realizzato il 6 settembre contro la Real Union.

Alvaro Odriozola, 2017 da favola e trasferimento al Real Madrid

Dal gennaio 2017 diventa un insostituibile in prima squadra quando, in seguito agli infortuni di Martinez e Zaldua, esordisce nella Liga. Quindici le partite nel 2016/17 con 5 assist, nel 2017/18 totalizza altri 4 assist in 35 presenze più 6 sfide in Europa League. Non stupisce che il suo nome sia finito sul taccuino del Real Madrid, che il 5/7/2018 lo acquista per 30 milioni di euro facendogli firma un contratto di 6 anni. Con la Spagna, dopo aver fatto parte dell’Under 21, il 6/10/2017 debutta in Nazionale maggiore nel match valevole per le qualificazioni ai Mondiali 2018, vinto per 3-0 contro l’Albania. Viene poi convocato dal CT Lopetegui (poi sostituito da Hierro a pochi giorni dall’inizio del torneo) per i suddetti Mondiali.

VIDEO

RELAZIONE TECNICA

a cura di LORENZO FABIANI del 05/10/2017

LORENZO FABIANIÈ un terzino destro spagnolo di grandissima spinta, un vero e proprio treno che fa avanti e dietro lungo l’out di destra per tutti i 90 minuti. Il suo ruolo naturale è quello di terzino destro in una difesa a 4, ma può tranquillamente fare l’esterno destro in un centrocampo a 5. Per il tipo di gioco che fa e per fisicità assomiglia vagamente ad Aleix Vidal del Barcellona.
È alto quasi 180 cm con una corporatura longilinea. Tecnicamente, come la maggior parte degli spagnoli è ben dotato e ciò gli consente di fraseggiare molto bene con i compagni di squadra; deve migliorare nell’utilizzo del piede debole, il sinistro. Dal punto di vista condizionale possiede una buona resistenza unita ad una grande velocità, che lo portano continuamente a sovrapporsi sulla fascia destra (è infatti impressionante il numero delle sue sovrapposizioni ogni partita).
Se vogliamo trovargli una piccola pecca possiamo dire che deve essere più incisivo, o meglio decisivo negli ultimi 30 metri: fa moltissimi cross ogni match, quindi deve trovare la giusta lucidità per sfornare più assist vincenti per i propri attaccanti. Dal punto di vista difensivo è attento. Si muove bene nella linea; è molto bravo ad assumere le giuste posture e nel temporeggiare (caratteristiche che lo portano ad affrontare nel modo corretto un 1vs1 difensivo)
Il gioco aereo è da migliorare. È sicuramente uno dei migliori prospetti del calcio spagnolo e ben presto a mio avviso lo vedremo in una “big” a livello europeo.

FISICITÀ voto 3/4
TECNICA voto 4/5
PERSONALITÀ voto 4
ATTITUDINI TATTICHE voto 4/5
VALUTAZIONE GENERALE 4





Utilizziamo cookie nostri e di terze parti al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione sul nostro sito, valutare il coinvolgimento dei nostri utenti e migliorare i nostri servizi. Continuando nella navigazione, senza modificare le impostazioni del tuo browser acconsenti all'utilizzo di cookie sul tuo terminale. INFO SUI COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close