Ainsley Maitland-Niles cresce in uno dei tanti club della sua città natale, l’Arsenal, dove approda giovanissimo all’età di 6 anni. Con la formazione Under 21 si fa notare collezionando 4 gol e 4 assist in 34 presenze, mentre con l’Under 19 disputa anche le prime due edizioni della “UEFA Youth League” per un totale di 2 assist in 14 partite. Il manager della prima squadra Arsene Wenger il 9/12/2014 gli concede l’onore del debutto in Champions League a 17 anni e 102 giorni, quando entra all’inizio del secondo tempo al posto di Aaron Ramsey nel match della fase a gironi contro il Galatasaray. Così diventa il secondo calciatore più giovane nella storia del club ad esordire in questa competizione dopo Jack Wilshere. Quattro giorni dopo scende in campo anche in Premier League, sostituendo nei minuti di recupero Alex Oxlade-Chamberlain nella vittoria per 4-1 contro il Newcastle. Il 2/7/2015 passa in prestito all’Ipswich militante nella “Championship”, la seconda divisione inglese, dove mette a referto 1 rete e 3 assist in 30 gare. In nazionale sta svolgendo la trafila delle varie selezioni giovanili, a partire dall’Under 17 fino all’attuale Under 20.

VIDEO

RELAZIONE TECNICA

a cura di FRANCESCO MARINO del 15/12/2015

Marino Francesco commentiEsterno di centrocampo molto promettente; giocatore che per ruolo e movenze è una via di mezzo tra Biabiany e Cuadrado, somiglia anche al suo compagno di squadra Walcott dell’Arsenal; predilige giocare esterno a destra come ala, ma spesso è portato ad accentrarsi o anche a partire da una posizione più centrale quasi da mezzala; ha corsa e gamba davvero importanti, esplosività, resistenza ed ottima mobilità; fisicamente è un giocatore di assoluta prospettiva perché, pur avendo attitudini prettamente offensive, riesce a coprire la totalità della fascia con ottimi risultati grazie ad una buona dedizione tattica e di sacrificio; è un destro che utilizza poco il piede mancino; ha dribbling secco col quale crea spesso e volentieri superiorità numerica nella sua zona e possiede anche ottime attitudini a livello di fondamentali; ha estro, creatività quando riceve palla sui piedi ed è bravo anche nel gioco senza palla, caratteristica questa basilare per un esterno poiché gli conferisce ulteriore imprevedibilità nelle giocate e lo rende molto più difficilmente marcabile dal suo diretto avversario; accertata la sua qualità tecnica e la sua ottima presenza fisica, deve crescere soprattutto sotto l’aspetto della concretezza offensiva, intesa come capacità di andare a cercare maggiormente e con più assiduità ed incisività la porta avversaria, in modo da migliorare il suo score offensivo a livello di reti: infatti la nuova tipologia dell’esterno moderno è quella che prevede, oltre al lavoro tattico, anche e soprattutto la confidenza con il gol, aspetto che gli consentirebbe così di crescere notevolmente come spessore e come vastità di repertorio tecnico; è un giovane molto interessante per il quale non è difficile pronosticare una carriera importante in Premier con una squadra di prima fascia.





Utilizziamo cookie nostri e di terze parti al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione sul nostro sito, valutare il coinvolgimento dei nostri utenti e migliorare i nostri servizi. Continuando nella navigazione, senza modificare le impostazioni del tuo browser acconsenti all'utilizzo di cookie sul tuo terminale. INFO SUI COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close